QUANDO GIOCARE FA MALE !!

L'Organizzazione mondiale della Sanità ha inserito recentemente nella propria classificazione delle patologie ufficiali anche il "gaming disorder", ovvero la dipendenza da videogiochi. Tra i sintomi e le conseguenze che la identificano ci sono: un mancato controllo sul gioco stesso ed una sempre maggiore priorità data a questo hobby, al punto che viene anteposto alle attività quotidiane ed ai normali interessi della vita. Una continua escalation, che non si arresta nonostante conseguenze negative personali, familiari, sociali, educazionali, occupazionali o in altre aree importanti. Perché questa condizione possa essere considerata come una patologia, il comportamento "a rischio" deve verificarsi continuativamente per 12 mesi, "anche se la durata può essere minore se tutti i requisiti diagnostici sono rispettati e i sintomi sono gravi".In effetti, è notizia di poche settimane fa che il colosso nipponico abbia imposto proprie regole per limitare la circolazione di contenuti sessuali e violenti nei giochi pubblicati sulle sue console, oltre a fornire impostazioni di parental control su PlayStation 4, che limita il tempo di gioco per i bambini. Resta tuttavia poco chiaro in che modo (e in quale misura) Sony sia effettivamente intenzionata a lavorare per contrastare la dipendenza dai videogiochi e quali contromisure voglia adottare in questa direzione.

FONTE:// https://valoreesalute

Product added to wishlist

Proseguendo con la navigazione accetti la policy relativa ai cookie. Maggiori informazioni cliccando  qui.